Home » Pesci e allevamento » Novità dalla ricerca sul ruolo del nido di bolle di Betta splendens

Novità dalla ricerca sul ruolo del nido di bolle di Betta splendens

image

di (foto di Alessandro Crudo)

Un recentissimo studio condotto da ricercatori dell’Università americana del Massachusetts sembra aver finalmente chiarito alcuni dubbi sul ruolo effettivo che svolgerebbe il nido di bolle che i maschi degli , e nel caso specifico della specie Betta splendens, costruiscono in occasione della deposizione da parte delle femmine.

La discussione che coinvolgeva gli appassionati di questa specie era da tempo incentrata sulle presunte proprietà antimicrobiche che il nido di bolle, costruito dai maschi di Betta e da alcune specie di , svolgesse sulle uova fecondate deposte al suo interno dalla femmina.

Questa ricerca di laboratorio ha di fatto escluso che il nido di bolle abbia alcuna capacità di inibire la crescita di batteri patogeni che provocano sovente la morte degli embrioni durante il loro sviluppo all’interno dell’uovo. Infatti le uova (fecondate in vitro) esposte al materiale schiumoso del nido non hanno dato evidenza di alcun aumento di sopravvivenza delle larve. Fatto strano é però quello che i nidi di bolle analizzati in laboratorio hanno talvolta sviluppato microambienti favorevoli per la crescita del micete Saprolegnia parasitica!

Degno di nota è comunque l’importanza delle cure parentali del maschio che incide positivamente su un più alto tasso di sopravvivenza della prole, sia in assenza e sia in presenza di germi patogeni nel nido.

Lo studio é molto recente (Giugno 2012) ed ovviamente non ci sono né smentite né ulteriori conferme, ma per quanto letto non v’è dubbio di ritenere che il ruolo che svolgerebbe il nido di bolle in Betta splendens sia solo quello di supporto e/o d’aiuto ai maschi durante le delicate ed affascinanti fasi che caratterizzano le cure parentali di questa specie.

Bibliografia

Brown A.C., Clotfelter E.D., 2012. Fighting fish (Betta splendens) bubble nests do not inhibit microbial growth. Journal of Experimental Zoolology 00A:1–7.

Per richieste di approfondimenti sull’argomento, si prega di contattare il coordinatore del G.A.S. all’email coordinatore@gas-online.org

Alcuni esemplari maschi di show Betta (foto Francesco Denitto)

You must be logged in to post a comment Login